Direttore: Aldo Varano    

Sculco (CiR) sulle trivelle nello Jonio

Sculco (CiR) sulle trivelle nello Jonio
 

ReP

“La seduta del Consiglio regionale di lunedì 6 è saltata per le vicende legate alla formazione della nuova Giunta regionale, per cui - asserisce la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco -  il dibattito sulle trivellazioni nello Ionio non ci sarà. C’è da augurarsi, quindi, che con rapidità questa fase di stallo venga superata, per consentire al Consiglio regionale, che è la sede più rappresentativa degli interessi generali della Calabria, di assumere una sua puntuale posizione di sostegno ai comuni ed alle associazioni contrari a scelte calate dall’alto che scaricano conseguenze gravissime sui nostri territori. Resta grave la situazione concernente le trivellazioni nello jonio perché, dopo l’incontro a Roma col sottosegretario all’Ambiente Silvia Velo, i permessi di ricerca alle società petrolifere seguitano ad essere concessi in forza del decreto Sblocca Italia.  Il sindaco di Trebisacce ha emanato un’ordinanza precisa contro le trivellazioni e il sindaco di Policoro ha avviato lo sciopero della fame contro l’ostinazione del Governo a voler comprimere le competenze di Regioni ed enti locali sulla questione. Sono due forme di reazione - sottolinea la consigliera regionale -  che meritano rispetto, condivisione e solidarietà. Dal canto suo, la Regione Calabria ha già provveduto ad impugnare dinanzi alla Corte costituzionale la legge con cui il Governo esautorava le Regioni dai pareri vincolanti su tali materie ed  ha annunciato il ricorso al Tar del Lazio contro il decreto del ministro dell’Ambiente che permette all’Enel Longanesi la ricerca di idrocarburi in mare con la tecnica Air Gun nello Ionio settentrionale. C’è da valutare, compatibilmente con i tempi, l’esigenza,  segnalata da Rosella Cerra, membro del comitato nazionale dei No Triv  di impugnare davanti al Tar del Lazio anche il disciplinare di attuazione dell’articolo 38 dello Sblocca-Italia, così come definito nel decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 25 marzo 2015, che dà attuazione allo Sblocca Italia per la parte concernente le attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi (Aggiornamento del disciplinare tipo in attuazione dell’articolo 38 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164)”.