Direttore: Aldo Varano    

MOTTA S. GIOVANNI (RC). Crea (Ancadic) su agibilità scuole: "servono fatti non parole"

MOTTA S. GIOVANNI (RC). Crea (Ancadic) su agibilità scuole: "servono fatti non parole"
ReP
 

Le rassicurazioni del Sindaco, parole, parole, parole….. Ci vogliono i fatti La risposta del Sindaco si commenta da sola. Che le scuole siano agibili lo si deve dimostrare con la pubblicazione dei relativi certificati che dovrebbero essere atti pubblici accessibili a tutti. Giova ricordare che: nel mese di marzo 2014 si stavano trasferendo i bambini nella scuola materna di Lazzaro senza collaudo e senza agibilità; per alcuni anni è stato permesso che la collettività frequentasse il palazzetto dello sport senza collaudo e agibilità, che alcune scuole catastalmente ancora ricadono su proprietà privata. Soltanto le segnalazioni di questa associazione hanno permesso di bloccare lo stato di potenziale pericolo e le situazioni d’illegalità che comportamenti quantomeno irresponsabili avevano posto in essere. Il palazzetto dello sport è ancora chiuso. Come possiamo ancora credere alle parole di chi ci governa? Quello però che più mi colpisce non sono le parole offensive del Sindaco che da anni non perde occasione per rivolgere alla mia persona e all’Associazione che rappresento, ma il silenzio serbato soprattutto dei genitori in tutta la vicenda, nonché la completa assenza dei Consiglieri di Minoranza, che in questa e in altre delicate tematiche che riguardano la salute e l’incolumità dei cittadini si sono dimostrati disinteressati. Ancora non è chiaro quali siano i problemi dei cittadini che stanno a cuore all’Opposizione. Affinchè ognuno si renda conto di come stiano le cose, pubblico i certificati di agibilità riferiti alle quattro scuole già trasmesse al Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Motta San Giovanni presso il quale si potranno consultare. Mi riservo di pubblicare altra documentazione in mio possesso. Voglio ribadire che non si tratta soltanto dell’agibilità delle scuole di Motta e Lazzaro oggetto di trattazione, ma anche di altri complessi scolastici e strutture pubbliche frequentate dall’uomo presenti sul territorio, di cui andrà immediatamente verificata la sussistenza delle condizioni di sicurezza. Non bisogna dimenticarsi che c’è di mezzo la sicurezza dei cittadini, soprattutto dei bambini.

 

Vincenzo CREA

 

Referente unico dell’ANCADIC Onlus

 

e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”