Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Greenpeace boccia la politica energetica del Governo Renzi

REGGIO. Greenpeace boccia la politica energetica del Governo Renzi

L'anno scolastico è appena iniziato ma il governo di Matteo Renzi ha già ricevuto una sonora bocciatura in materia di politiche sulle rinnovabili. Oggi i volontari di Greenpeace sono scesi nelle strade di 21 città italiane per "dare i voti" alla strategia energetica del governo, che alla prova dei fatti appare clamorosamente impreparato di fronte alla sfida climatica e alla rivoluzione energetica in corso.

A Reggio Calabria i volontari del gruppo locale di Greenpeace hanno esposto uno striscione con la scritta "Rinnovabili: governo bocciato" e incontrato gli alunni di alcune scuole superiori per chiedere un futuro energetico 100% rinnovabile per tutti.

Nei volantini distribuiti ai passanti era raffigurata la pagella destinata a Renzi: il giudizio sull'operato del governo, che in Italia continua a puntare sulle trivelle e sul petrolio penalizzando settori cruciali come l'efficienza energetica, l'eolico e il solare, è nettamente negativo. I volontari dell'organizzazione ambientalista hanno portato nelle piazze anche una sagoma di cartone con il capo del governo impegnato a scrivere su una lavagna la sua formula energetica – tutta sbagliata – per rilanciare per il Paese: "Più trivelle, più petrolio, meno rinnovabili, meno turismo, più disastri ambientali".

"Renzi ama comunicare con mezzi immediati come slide e lavagne, e noi abbiamo scritto sulla sua lavagna il futuro che ha in mente per il Paese: un'Italia disseminata di trivelle e che ostacola energie pulite e vantaggiose come quelle fornite dal sole e dal vento», dichiara Luca Iacoboni, responsabile della Campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «Una strategia energetica legata al passato, da bocciare senza riserve, che dimostra scarsa comprensione del presente e mancanza di visione futura".

L'attività dei volontari di Greenpeace si inserisce in un weekend di mobilitazioni organizzate in tutto il mondo in vista della Conferenza sul Clima (COP21) che si terrà a Parigi il prossimo dicembre. In oltre 25 Paesi sono in corso diverse manifestazioni per promuovere energie rinnovabili ed efficienza energetica, le uniche vere soluzioni per contrastare i cambiamenti climatici.

L'Italia si prepara invece all'appuntamento di Parigi con iniziative governative del tutto insensate come, ad esempio, la proposta di riforma della tariffa elettrica attualmente in consultazione. In sintesi, l'idea dell'Autorità per l'Energia è di far pagare meno a chi consuma di più, in barba a efficienza, protezione del clima e a qualunque ragionevole principio di politica economica.

"L'appuntamento di Parigi è importante, ma l'Italia ci arriva con idee confuse e zero credibilità. Al di là delle chiacchiere, i fatti mostrano che Renzi e i suoi ministri ci stanno portando verso due sonore bocciature: quella dei mercati e quella della storia. Lottare contro il cambiamento climatico, autorizzando al contempo trivelle in mare e a terra e boicottando rinnovabili ed efficienza energetica, è come voler fermare una macchina spingendo sull'acceleratore", conclude Iacoboni.

In vista della COP21 del prossimo dicembre, Greenpeace chiede ai leader mondiali uno sforzo di ambizione e risolutezza per contrastare i cambiamenti climatici. Al vertice di Parigi occorre sottoscrivere un accordo vincolante che preveda un futuro 100 per cento rinnovabile per tutti entro il 2050, obiettivo assolutamente alla nostra portata, come dimostra anche il report "Energy Revolution 2015", pubblicato questa settimana da Greenpeace. Al momento manca solo la volontà politica di molti tra coloro che sono chiamati a decidere. Come Renzi e il suo governo.