Direttore: Aldo Varano    

CapitaleMessina su emergenza idrica

CapitaleMessina su emergenza idrica
 

L'emergenza idrica che la città sta vivendo in questi giorni ci pone, come cittadini ed attenti osservatori, alcuni quesiti. E' ragionevole che l'amministrazione comunale ed i vertici dell'AMAM negli ultimi anni abbiano concentrato la loro attenzione  su implementazione dei servizi, trasferimenti di personale e distribuzione di utili invece di programmare azioni mirate a far funzionare bene l'azienda attraverso buone pratiche che non facciano piombare la cittànel caos come quello che vivremo in questi giorni?  E' pensabile che si preveda di realizzare degli utili ( euro 23.144.266) dalla gestione delle risorse idriche da distribuire al socio Comune di Messina, invece di destinarli ad investimenti?  Ed ancora, siamo sicuri che sia attuale e conveniente il mantenimento della societàper azioni come modello giuridico per la gestione del servizio idrico integrato? Se si dovessero avverare le previsioni del piano pluriennale e noi come affermato in diverse occasioni non ci crediamo, l'utile sperato comporterebbe per l'azienda il versamento di imposte per piùdi euro 15.000.000.

 

 CapitaleMessina chiede, piuttosto, che i 40 milioni di euro di cui sopra, gli utili  piùle imposte derivanti, vengano destinati ad investimenti che: ammodernino la rete di distribuzione eliminandone le enormi perdite nella distribuzione; ricerchino nuovi pozzi e fornitori da cui approvvigionarsi nell'ordinaria amministrazione o in caso di emergenze; prevedano la ristrutturazione della tratta da Fiumefreddo a Messina. L'appello lo facciamo a tutti, soprattutto ai consiglieri comunali, considerato che l'amministrazione Accorinti si e' dimostrata poco sensibile alle critiche ed agli stimoli provenienti dalla societàcivile.