Direttore: Aldo Varano    

La droga nel Parquet: pesanti condanne per il clan Jerinò

La droga nel Parquet: pesanti condanne per il clan Jerinò
Dovranno scontare condanne dai 13 ai 6 anni di carcere i cinque uomini del clan Jerino' coinvolti in uno strutturato traffico di droga in grado di far transitare centinaia di chili di cocaina sull'asse Bolivia-Olanda-Romania-Santhia' (Vercelli) e incastrati dall'inchiesta 'Ulivo '99'. Il gup di Reggio Calabria ha condannato a 13 anni e 4 mesi Marino Vallelonga, a 12 anni ciascuno Rocco Ameduri e Pietro Bellucci, a 10 anni e 8 mesi Demetrio Tripodi e a 6 anni Salvatore Agostino.
 
Tutti quanti sono stati individuati all'esito di un'indagine minuziosa del procuratore aggiunto Nicola Gratteri partita dalle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia, quindi pazientemente sviluppata con intercettazioni, monitoraggio e pedinamenti che hanno permesso non solo di sequestrare due ingenti carichi di droga, ma anche di fermare tutti gli indagati quando il rinvenimento di una cimice li aveva indotti a progettare un immediato trasferimento all'estero.
 
Per gli inquirenti, sono dunque a vario titolo tutti coinvolti nella rete di narcotraffico messa in piedi dal boss Jerino' attorno alla Mondoparquet, ditta di lavorazione del legno con sede a Santhia', che lungi dallo svolgere tale attivita', era utilizzata per effettuare importazioni di ingenti quantitativi di cocaina. La coca - hanno scoperto gli inquirenti - viaggiava nascosta nei container di legname, che la ditta, almeno formalmente, acquistava in Sudamerica per la produzione di laminati o addirittura all'interno delle assi di parquet.