Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Nasce il Laboratorio politico-Patto civico: programma, obiettivi, appuntamenti

REGGIO. Nasce il Laboratorio politico-Patto civico: programma, obiettivi, appuntamenti

(rep)

PROVIAMOCI INSIEME

Perché Reggio si riscatti bisogna azzerare il sistema di potere politico-partitico locale, tendenzialmente personalistico ed oligarchico, senza d’altra parte indulgere in movimentismi, demagogie e facili populismi.

Occorre piuttosto un moto “dal basso”: la più ampia partecipazione attiva di tutti cittadini. Da ciò discenderà un’adeguata pianificazione generale strategico-territoriale capace di coinvolgere più ambiti: sistema amministrativo, urbanistica, infrastrutture, servizi sociali, capitale umano, impiego diffuso del web e delle nuove tecnologie, mobilità, ambiente, efficienza energetica. Il fine ultimo resta quello di migliorare la qualità della vita dei cittadini, per quanto possibile offrendo: legalità diffusa, servizi efficienti, ambiente salubre, svago, cultura, ecc.

COM’È NATA L’INIZIATIVA

Di fronte al diffuso malessere sociale e al degrado della politica locale, tanti amici provenienti dal più vario associazionismo sociale e dal volontariato – ma tutti a titolo esclusivamente personale – hanno discusso e lavorato, pressoché ogni settimana, per quasi un anno. Con la rilevante collaborazione del preesistente laboratorio politico de “La Scintilla” (che già contava un centinaio di iscritti in città e Provincia) e l’approvazione di una comune Dichiarazione d’intenti ispirata all’impegno civile e ai valori fondanti della Costituzione, hanno costituito un’associazione inclusiva e pluralistica: il LABORATORIO POLITICO - PATTO CIVICO [LP-PC], che si è dotata di uno Statuto e di un Documento programmatico.

TRE OBIETTIVI

Innanzitutto, il senso di questa iniziativa è quello di promuovere a Reggio – non “contro” i partiti, ma “al di fuori” del sistema di potere dei partiti locali – un luogo di partecipazione e dibattito liberi e critici sui reali problemi della città e del suo comprensorio: un vero laboratorio politico, insomma. Un luogo dove la gente – quando possibile confortata dalla competenza di tecnici ed esperti indipendenti – possa discutere con metodo democratico e semplicità della cosa pubblica, senza essere coinvolta in attività politico-partitiche tradizionali, caratterizzate invece quasi sempre da modalità clientelari, di potere o esclusivamente elettorali. Può ben dirsi che il Laboratorio politico esiste, funziona bene e crediamo nel prossimo futuro opererà ancor meglio attraverso lo svolgimento di assemblee pubbliche decentrate sul territorio (quartieri, luoghi di lavoro, associazioni, sindacati, ecc.), con lo scopo di coinvolgere attivamente le multiformi realtà presenti in città e non solo.

Il secondo obiettivo, non meno importante e ambizioso, è quello di dare concretezza alle attività del Laboratorio: si tratta quindi di riuscire ad aggregare, nella forma più inclusiva possibile, singoli cittadini e persone che provengono da associazioni, gruppi e movimenti intorno a un progetto politico comune volto al riscatto e alla crescita sociale ed economica della città di Reggio Calabria e della sua area metropolitana. Non ci sembra, infatti, che la classe politica locale abbia alcun vero disegno organico, o strategia, in merito: idee, progetti, ecc. Mentre la politica dovrebbe essere, e fare, soprattutto questo. Abbiamo cercato di soddisfare tale esigenza, con i nostri limitati mezzi e almeno in parte, attraverso la stesura di un Documento programmatico, che costituisce la base necessaria per ogni ulteriore sforzo di individuazione dei problemi, degli obiettivi e dei mezzi per realizzarli. Per quanto tale Documento sia da aggiornarsi, perfezionarsi e integrarsi – soprattutto attraverso la partecipazione popolare stimolata dagli incontri sul territorio – esso prova che non è impossibile sognare, e realizzare, una Reggio diversa. Offriamo questo piccolo sforzo, sicuramente da migliorare, al dibattito pubblico. Offriamo questo piccolo sforzo, sicuramente da migliorare, al dibattito pubblico.

Da ultimo, ma non per ultimo, il terzo e più difficile obiettivo è quello di tradurre il già positivo lavoro del Laboratorio in un Patto civico, promuovendo la partecipazione attiva dei cittadini a competizioni elettorali. In questo senso – pur senza un coinvolgimento diretto – il LP-PC guarda con favore alla formazione di più liste con un programma politico comune intorno ad un unico candidato alla carica di Sindaco del Comune o della Città metropolitana. In ogni caso il lavoro fin qui svolto ha aiutato, e comunque stimola positivamente, i cittadini all’impegno e alla presenza diretta nelle istituzioni. Comunque il Laboratorio Politico continua a svolgere la sua funzione di formazione delle coscienze, controllo e proposta politica.

Sappiamo bene che il territorio di Reggio e della sua provincia è fortemente condizionato dalla ‘ndrangheta (basti pensare ai tanti Comuni commissariati, a cominciare dal Capoluogo) ed è oppresso da un disastro amministrativo, economico e finanziario (basti pensare al grave debito di Reggio). Ciononostante

REGGIO PUÒ E DEVE RISCATTARSI

La città, infatti, dispone di risorse umane e di realtà associative, culturali e di volontariato assolutamente straordinarie. Pur rinviandosi al Documento programmatico per maggiori dettagli sul sogno di fare di Reggio una città creativa e intelligente (“smart City”), le parole d’ordine che devono guidarci sono:

-        lotta alla ‘ndrangheta e all’evasione fiscale locale. Trasparenza dell’amministrazione

-        partecipazione popolare e bilancio sociale

-        piano strategico di recupero e valorizzazione delle periferie

-        priorità alle politiche sociali e tutela delle categorie sociali più svantaggiate

-        salvaguardia e messa in sicurezza del territorio (difesa dal rischio idrogeologico e pianificazione urbana antisismica, lotta all’abusivismo, soluzione alle emergenze idriche)

-        tutela ambientale e promozione di uno sviluppo produttivo endogeno ed eco-sostenibile

-        valorizzazione dell’istruzione, della cultura e dello sport

-        appena possibile, elezione diretta del Sindaco da parte dei cittadini di tutti i 97 Comuni della Provincia/Città Metropolitana

N.B. Mercoledì 25 si svolgerà nella biblioteca della Provincia la conferenza stampa per la presentazione dell’iniziativa