Direttore: Aldo Varano    

LA LETTERA. Mobilità dello Stretto: 40 anni di patti scellerati. VINCENZO FILARDO

LA LETTERA. Mobilità dello Stretto: 40 anni di patti scellerati. VINCENZO FILARDO

di VINCENZO FILARDO - Caro Direttore, a proposito del possibile venir meno dei servizi di trasporto marittimo tra Reggio e Messina (al momento l’interruzione riguarda solo le giornate del sabato e della domenica) sono andato a rileggermi la nota che, sull’argomento, hai pubblicato solo alcuni mesi addietro, il 26 febbraio scorso, con il titolo “La mobilità nello Stretto e le ricorrenti bad practice”.

Non avrei alcunché da aggiungere né da togliere a quella nota se non la costatazione che anche questo triste episodio è un’evidente conferma di un serio vuoto di proposta e di azione amministrativa da parte dei livelli di governo regionali e locali (Sicilia e Calabria) non nuovo per chi ha avuto modo di seguire nel tempo questa vicenda: stiamo parlando della mobilità nello Stretto. Un vuoto generato da una lunga stagione, almeno 40 anni, di lusinghe e di “patti scellerati” tra organi centrali dello Stato e poteri locali, in cui ciascuno ha giocato in proprio cercando/ concedendo favori e finendo con lo scaricare la palla sull’altro.

Che devo dirti? Continuare a denunciare questo drammatico vuoto mi sembra che sia come uno “sparare sulla Croce rossa”. Preferisco continuare a pensare che “il cambiamento” sia ancora possibile, anche nei luoghi cari a Tomasi di Lampedusa.

Un abbraccio. Vincenzo Filardo