Direttore: Aldo Varano    

OBAMA. Spero che la Corte suprema riconosca le nozze gay

OBAMA. Spero che la Corte suprema riconosca le nozze gay

Barack Obama si è espresso ancora una volta a favore delle pari opportunità per gli omosessuali. Il presidente degli Stati Uniti, in un'intervista pubblicata su YouTube, ha detto di augurarsi che la Corte Suprema riconosca a due persone dello stesso sesso il diritto di sposarsi in tutto il Paese.

"Le nozze tra omosessuali dovrebbero essere legalizzate perché le persone che si amano e si trattano con rispetto devono essere trattate alla stessa maniera" ha detto alla videoblogger GloZell Green.

Il massimo tribunale statunitense, venerdì scorso, ha accettato di considerare i casi di Kentucky, Ohio, Michigan e Tennessee, che però riguarderanno tutti gli americani: la Corte infatti dovrà decidere se il quattordicesimo emendamento della Costituzione, che garantisce la parità di tutti i cittadini davanti alla legge, preveda che ogni Stato debba fornire una licenza matrimoniale alle coppie omosessuali che la richiedano e se imponga a uno Stato di riconoscere un matrimonio celebrato altrove. Entro giugno, la Corte Suprema deciderà quindi se, oltre al governo federale, anche i singoli Stati saranno tenuti a riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Attualmente, i matrimoni omosessuali sono riconosciuti in 36 Stati e nel District of Columbia. Nel 2013, la Corte Suprema ha cancellato una parte fondamentale del Defense of Marriage Act, la legge federale firmata nel 1996 dall'allora presidente Bill Clinton, che definiva il matrimonio esclusivamente come l'unione tra un uomo e una donna. In questo modo, a livello federale, le coppie omosessuali godono degli stessi diritti di quelle eterosessuali, ma i giudici decisero all'epoca di non esprimersi sul diritto costituzionale a sposarsi di una coppia omosessuale.