Direttore: Aldo Varano    

ANTIMAFIA. I 5s si spaccano a metà e per un voto scelgono Nicola Morra

ANTIMAFIA. I 5s si spaccano a metà e per un voto scelgono Nicola Morra

morra

Il senatore pentastellato Nicola Morra, professore di Storia e filosofia, genovese trapiantato in Calabria dov’è stato (ri)eletto al Senato, è ufficialmente il candidato della maggioranza alla presidenza della Commissione parlamentare bicamerale antimafia.

La votazione è avvenuta nella tarda serata di mercoledì e ha spaccato i 5 Stelle: Morra ha battuto per una sola preferenza il collega Mario Michele Giarrusso ( già componente della Commissione parlamentare antimafia nella scorsa legislatura) nel voto interno, ottenendo 9 preferenze su 17. I grillini, dunque, hanno preferito con un solo voto in più il senatore ritenuto tra gli ortodossi del movimento.

Non si tratta ancora dell’investitura ufficiale al vertice della Commissione: secondo fonti parlamentari, la prossima settimana si dovrebbero riunire i componenti della stessa Commissione che voteranno il presidente. Il favorito, però, è ora certamente Morra, anche perchè l’accordo della maggioranza prevede che il candidato della Commissione antimafia sia un esponente grillino e che arrivi dal Senato, visto che nella passata legislatura la presidente era un deputato, la democratica Rosy Bindi.

A sollecitare l’insediamento della Commissione, è stato anche il pm Antonio Di Matteo, ai microfoni di Radio 1: «Nella relazione conclusiva della scorsa legislatura, alla fine c’è un lascito: cercare di completare il percorso di verità sulle stragi. E pone sul tappeto il problema della probabilità che, assieme agli uomini di Cosa nostra, nella terribile stagione delle stragi, abbiano agito anche menti raffinatissime che hanno orientato certe azioni della Mafia».