CORSIVI. Torna “Il Rieccolo” per unire Rc e Me. Ovvero: Io sono Io e voi non siete un C….

CORSIVI. Torna “Il Rieccolo” per unire Rc e Me. Ovvero: Io sono Io e voi non siete un C….

ponte

Anche in Calabria, come stabilisce la normativa europea,  si é svolto il pietoso rito della costituzione del Partenariato Istituzionale e Socioeconomico per l’avvio del percorso di concertazione per la costruzione del Programma Operativo del prossimo ciclo di programmazione 2021-2027.

Rito assolutamente inutile che l’UE, tuttavia, si ostina a considerare strategico senza distinguere tra territori maturi a farlo e territori, come la Calabria, assolutamente incompatibili con questa modalità di programmazione, come dimostrano, fatalmente, i risultati sull’efficacia della spesa comunitaria.

Come avviene infatti da 30 anni ormai, la costituzione del  partenariato si sostanzia in una passerella/questua delle categorie produttive che sfilano dinanzi alla politica in carica consegnando loro la lista della spesa, la mappa dei desideri e l’ennesima carrellata di “emergenze irrinunciabili”. Il potere politico organizza tavoli settoriali, fa finta di ascoltare e poi procede secondo la propria bussola di gestione del consenso, concertata a Roma o presso le ville dei potentati politici che gestiranno in assoluta autonomia le scelte su cosa e come spendere.

È stato cosí con la sinistra, con il centro e con la destra.

Perché dunque questo accanimento terapeutico dell’Unione Europea  dinanzi alla  stupefacente inconcludenza della spesa europea in Calabria? Difficoltà procedurali legate alla modifica dei regolamenti sui fondi strutturali? Probabile, anzi certo.

Ma allora perché la politica regionale continua ad avvitarsi in questa cultura del partenariato-fake piuttosto che puntare su una politica industriale fatta di due/tre coraggiose opzioni strategiche su cui giocarsi faccia, consenso e futuro politico? In attesa di rispondere a questa domanda registriamo l’ennesima presa per i fondelli della politica regionale alle categorie produttive. Dopo i tavoli tematici e l’ascolto attento delle centinaia di proposte elaborate da aziende, sindacati e territori, la politica informa che il futuro della Calabria si chiama Ponte sullo Stretto. Come dire, alla Marchese del Grillo, io sono io e voi non siete un c...... Cosí è (se vi pare).