Direttore: Aldo Varano    

LOCRI. La cappella dell’ospedale e le uova di Hospitalité

LOCRI. La cappella dell’ospedale e le uova di Hospitalité

hospita  di ELENA GRATTERI

- Dell’ospedale di Locri si è detto tanto e tanto si continuerà a dire ma forse pochi si sono soffermati sulle condizioni in cui la cappella, luogo di conforto per moltissimi degenti, versa da due anni.

Da quando non è più possibile riunirsi in preghiera nell’ormai vecchia cappella, Don Giuseppe Zurzolo, che a Locri svolge il ministero di cappellano, cerca di farsi sentire in tutti i modi, affinché la stessa venga resa agibile e non lasciata all’incuria.

Nel frattempo, il sacerdote è riuscito a ricavare un’accogliente piccola cappella, tra le mura di una vecchia sala d’attesa, cosicché non mancasse un posto dove poter pregare.

Proprio nei pressi della cappella, dove ogni domenica viene celebrata la funzione religiosa, il 20 marzo, domenica delle Palme, ci saranno i volontari di Hospitalité, un’associazione onlus che assiste i soggetti diversamente abili, a vendere le uova di cioccolata.

Guida spirituale dei volontari è l’instancabile don Giuseppe Zurzolo, che, fondando questa associazione a Locri, aspira a trasferire nei paesi della Locride l’esperienza di Lourdes.

In attesa che il metodo operativo di Lourdes, attraverso Hospitalité, venga diffuso, non soltanto nel comprensorio locrideo ma nell’intera Calabria e, perché no, nelle grandi città italiane, don Giuseppe chiede a chi può di sostenere l’associazione, comprando le uova di cioccolata con il simbolo di Hospitalité, che sarà possibile acquistare sabato 19 e domenica 20 marzo presso il presidio ospedaliero di Locri ed il Centro Commerciale “La Gru” di Siderno.