Direttore: Aldo Varano    

Per errori Regione pagheremo tariffe doppie per i rifiuti. NACCARI CARLIZZI

Per errori Regione pagheremo tariffe doppie per i rifiuti. NACCARI CARLIZZI

di DEMETRIO NACCARI CARLIZZI – (rep) L’inefficienza e i gravi errori della Regione nello smaltimento dei rifiuti produrrà per il prossimo anno tariffe doppie rispetto alle attuali per le famiglie calabresi. I Comuni come Reggio Calabria, che non hanno raggiunto gli obiettivi di raccolta differenziata fissati arbitrariamente dalla Regione, in seguito alla rimodulazione delle tariffe operate dalla stessa Regione per il conferimento dei rifiuti, saranno costretti ad aumentare ulteriormente e vertiginosamente la tassazione.

Se una famiglia media di Reggio Calabria oggi si è vista recapitare una Tari di 500 euro (già notevolmente aumentata rispetto all'anno precedente) nel 2015 riceverà una bolletta con un aumento medio del 70%, quindi 850 euro.

Questo e' il risultato della deliberazione della Giunta regionale n.322 del 28 luglio 2014 che sotto le mentite spoglie di una rimodulazione delle tariffe di smaltimento ha fissato un aumento irresponsabile e vertiginoso che i Comuni e di conseguenza i cittadini dovranno pagare nel 2015. Questi i numeri +60% per i rifiuti indifferenziati, +124% per quelli indifferenziati ed organici.

E in Calabria si continuerà così a pagare di più per servizi la cui qualità è notevolmente al di sotto della tariffa pagata.

Infatti le soglie individuate dalla Giunta regionale sulla raccolta differenziata per il raggiungimento delle primalità sono di fatto, a meno di miracoli, irraggiungibili rispetto alla condizione di partenza per almeno il 95% dei Comuni calabresi e i tecnici regionali questo lo sanno bene.

In questi anni il sistema denominato Calabria Sud costituito dagli impianti di valorizzazione di Sambatello, Siderno, Crotone e Rossano e dal termovalorizzatore di Gioia Tauro si è di fatto collassato per la mancanza di controllo sulla gestione degli impianti e per la scelta di mantenere la Calabria del nord non autosufficiente.

Malfunzionamenti trascuratezza degli impianti sia a livello manutentivo che in termini di sicurezza hanno prodotto fermi a cui la Regione ha fatto fronte emettendo ordinanze per il trasferimento dei rifiuti direttamente in discariche anche fuori Regione. Non si capisce quanto questo sia voluto per favorire sistemi e meccanismi emergenzali.

Ed oggi nella determinazione delle tariffe, ci ritroviamo quantificate, in modo assurdo, come costi tutte le spese sostenute per far fronte a queste inefficienze, come se appartenessero alle normali spese di gestione.

Scaricare sui Comuni e quindi sulle famiglie calabresi oneri dovuti alla propria inefficienza o addirittura a scelte poco chiare e scellerate, è di una gravità inaudita oltre che contrario ad ogni direttiva comunitaria sulla trasparenza e determinazione dei costi tariffari.