IL RACCONTO. Petrali, la dolce alternativa alla gaffe Ue che cancella il Natale

IL RACCONTO. Petrali, la dolce alternativa alla gaffe Ue che cancella il Natale

petrali

È a luglio e agosto che, Maria, ha cominciato a preparare Natale. Quand’era piccola, non c’era neppure bisogno di mettere da parte, per i petrali, un po’ delle mandorle e dei fichi raccolti: a dicembre ce ne sarebbero stati ancora tantissimi. Da anni, le mandorle e fichi autoprodotti non bastano. E, quindi, deve vedere chi ne ha, nella zona, raccolti abbastanza e di che qualità: e comprare le une e gli altri. E, a tempo debito, deve schiacciare le mandorle, nettarle di fino, metterle in una bella boccia di vetro in attesa dell’uso. Quando ai fichi, si è premurata, in estate, di trasformare in marmellata i pochi che le piante di casa hanno regalato: così da aggiungere il profumo familiare ai fichi comprati. E anche il vino cotto si è premurata di fare, a inizio settembre, quando le prime piogge hanno finalmente dato linfa alla poca uva, che il caldo torrido aveva rinsecchito sulle viti, riducendo il succo ottenuto macinando i grappoli a un terzo. Il resto, le noci, l’uva passa, il cacao, l’ha acquistato solo da qualche giorno. Ma quei tre elementi – i fichi, le mandorle e il vino cotto – erano pronti da tempo. E vuole che vengano, se non è possibile dal suo piccolo podere, almeno dal suo paese. Perché Natale, per lei, è la festa dell’infanzia del cuore e l’infanzia non è distinguibile dagli odori e dai sapori del proprio paese.

Per iniziare a tagliuzzare i fichi e metterli a macerare nel vino cotto, Maria aspetterà l’8 dicembre. Ma, per il presepe, non ha atteso la data canonica. Ha tirato fuori i suoi pastori e ne ha preparati tre: in cucina, una natività piccolissima; nel soggiorno, quello più artistico; sulla sua scrivania una capanna con la sacra famiglia.

L’ha fatto quando ha letto delle linee guida pensate, dalla commissaria europea di parità, per la comunicazione interna in occasione del Natale, nome da evitare per non offendere (chi? Boh), insieme a nomi troppo cristiani, come Maria (peraltro caro sia agli ebrei che ai musulmani) e Giovanni. Lei e suo marito, banditi insieme. Una perla della serie “di buoni propositi sono lastricate le strade dell’inferno”.

Aveva pensato di scrivere sui social qualcosa sull’assurdità di considerare rispetto per gli altri la castrazione della propria identità culturale – che facciamo gettiamo a mare Dante, Manzoni, Giotto, Michelangelo, giusto per parlare solo di qualche italiano? – oppure qualcosa sull’altra assurdità, ovvero che la sinistra lasci alla destra certe battaglie che la destra riesce a trasformare in qualcosa di fastidioso, quando la sinistra dovrebbe gestirle come mera difesa della logica.

Ma non aveva nessuna voglia di infilarsi in una polemica che, a condurla seriamente, sarebbe stata impegnativa (pensare che la modernità passa dall’oscurare il termine Natale segue la stessa linea del pensare che un figlio abbia un genitore 1 e un genitore 2 : è chi è l’1 e chi il 2?). Aveva, perciò, deciso che era meglio occupare il suo tempo, riempendo la casa di presepi e cominciando a pensare ai petrali.

  • LA PRESENTAZIONE*. Guerre economiche, economie di guerra, guerre identitarie

    ANTONIO CANTARO e FEDERICO LOSURDO
    (ReP)Incubo e realtà. Ci avevano autorevolmente rassicurato all’inizio di questo ennesimo anno horribilis che la guerra in senso classico no, roba di altri tempi. E, a modo suo, ci aveva rassicurato anche Vladimir Putin annunciando urbi et orbi che…
  • SALVINI ci rifila il Ponte e si tiene l'Autonomia differenziata

    AURELIO CHIZZONITI*
    (ReP) Non v’è dubbio che io senta parlare della realizzazione del Ponte sullo Stretto, da quando ero bambino, nella cui ottica si sono succeduti studi, progetti, verifiche e quant’altro utile ad alimentare l’attenzione, sul “sogno o illusione”, delle regioni…
  • LIBRI & POLITICA. Rileggendo "Io sono Giorgia"

    ALDO VARANO
    UNO. Roma, 1976. Di mattina di fronte a un laboratorio medico in cui si fanno le analisi necessarie per abortire c’è una giovanissima donna, già madre di una bimba. E’ inquieta, scontenta. Prima di arrivare lì, familiari e persone a cui vuol bene, l’hanno…
  • Oliverio assolto! Ma le accuse contro lui hanno infragilito la democrazia calabrese

    ALDO VARANO
    Quindi, Mario Oliverio è stato assolto dal tribunale. Tutte le accuse mosse contro di lui e quelle scaricate sui suoi collaboratori e/o amici sono cadute. Il fatto non sussiste, dice la sentenza. E se un fatto non sussiste non ci possono essere colpevoli dato…
  • LIBRI. Rodano e il Crotonese, un volume di Ierardi

    Fi.Ve.
    Le “Conversazioni in Casa Rodano”, un agile volumetto che si stapresentando in questi giorni nel crotonese, per iniziativa dellaSezione Alto Crotonese dell’Istituto Raffaele Lombardi Satrianiper la ricerca folklorica e sociale, hanno la forza di…
  • SOCIAL. Un dialogo nel Terzo Millennio (d.C.)

    EMMA CHIERA
    Approfittando dell’ancora vigente art. 21 della nostra Costituzione, ho condiviso su un social un’immagine che evidenziava la perfetta identità di 11 membri del Governo Meloni con altrettanti del Governo Berlusconi/2008. A sua volta, un’amica l’ha condiviso e…
  • La Sila e la giornata delle riserve della biosfera

    FIIPPO VELTRI
    L’UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, ha designato il 3 Novembre come “Giornata internazionale della Riserve della Biosfera”, ovvero i territori e le comunità che in tutto il mondo perseguono lo sviluppo…
  • CATANZARO. Museo del Rock tra potenzialità e progetti

    PIERGIORGIO IANNACCARO
    Tra le vie di Catanzaro quella intitolata ad Alessandro Turco è importante per quanto breve. Origina da Piazza Matteotti e porta dritto al ponte Morandi, una delle principali vie di uscita dalla città. Ai suoi lati si allineano due delle maggiori scuole…
  • L'INTERVENTO. PD, ma che fretta c'è...

    FIIPPO VELTRI
    Il PD ormai è un corpo a sè stante nel panorama politico nazionale e internazionale. Ha drammaticamente perso le elezioni del 25 settembre ma dopo una prima fase di apparente risveglio, con le dimissioni (postcipate pero’) di Letta, ora sembra tutto calmo.…
  • MIGRANTI. Mille sbarcati in poche ore, il Cara di Isola CR al collasso

    Zsud
    Sono quasi mille i migranti sbarcati al porto di Crotone in meno di 12 ore, ovvero dal pomeriggio di mercoledì a ieri mattina. Il gruppo più consistente è quello approdato ieri per il quale si sono concluse le operazioni di sbarco dei 650 migranti soccorsi…
  • CALABRIA. Settant’anni di processo per un’eredità: «Una vita persa a cercare giustizia»

    SIMONA MUSCO
    «Ormai non ne vale più nemmeno la pena: per pagare tutte le spese non basterebbe non solo la mia parte, ma l’intera proprietà di cui stiamo discutendo ormai da una vita». Se mai servisse un esempio concreto della lunghezza dei processi civili in Italia, la…
  • L'ITALIA, tra pacificazione e conflitto

    PARIDE LEPORACE
    🔴 Giorgia Meloni nel suo discorso alla Camera condanna il fascismo. In contemporanea alla Sapienza un collettivo di sinistra tenta di impedire un dibattito di Fratelli d’Italia.La polizia manganella con violenza.La pacificazione nazionale eclissata dal…
  • L'INTERVENTO. Giorgia Meloni e le sensazioni del primo giorno

    ENZO MUSOLINO
    E' un governo "rassicurante". La Meloni ha anestetizzato tutto.Le teste matte - La Russa e Fontana - le ha sterilizzate in un ruolo di pura rappresentanza. Salvini e' ridotto, Berlusconi e' "morto" (come leader/padrone).Il "Mare" e il "Pnrr" sono nelle mani…
  • Mussolini e De Luca: quando la storia (e le parole) si confondono

    ISAIA SALES
    L’ultimo libro di Antonio Scurati su Mussolini mi è piaciuto molto. L’ho letto in contemporanea con Il Monarca, il libro su De Luca a cura di Massimiliano Amato e Luciana Libero. E poiché coincidono la data della manifestazione per la pace indetta da De Luca…
  • L'ANALISI. Manifestare per la Pace

    FIIPPO VELTRI
    Il popolo della pace si mobilita di nuovo. Dopo anni di silenzio, la prima manifestazione per la pace in Italia è stata quella del 18 febbraio convocata dalla Comunità di Sant’Egidio, prima ancora dello scoppio della guerra in Ucraina. Era da tanto che non si…